Home            IL CANYENGUE                     finaleliguretango@yahoo.it


FINALTANGO ED IL CANYENGUE

Il canyengue è una forma di tango  danzata principalmente negli anni venti e più tardi negli anni trenta,  non si sa se completamente e correttamente trasmessa dai primi praticanti.
Una delle grandi protagoniste Martha Anton, prima compagna di uno dei più grandi ballerini di cannyengue Luis Grondona,  ora partner e moglie el Gallego Manolo (Manuel Salvadore) soprattutto conosciuto come esecutore di un certo tipo di una caratteristica milonga, è stata la nostra prima maestra di canyengue in diversi stages che abbiamo seguito.
Abbiamo proseguito nei primi anni del 2000 con lezioni settimanali a Torino  con Bruno Mazzoni e Maura Malluquin  che avevano studiato in Argentina con Martha ed il grande Luis Grondona .
L'aver appreso il canyengue nel corso di lezioni sistematiche per lungo tempo ci ha convinti che per la difficoltà di acquisire la corretta postura soltanto un'allenamento continuo ed il fatto di essere seguiti da maestri esperti e capaci di trasmettere e personalizzare l'insegnamento può essere garanzia di apprendere in modo corretto questo tipo particolare di danza. La circostanza di costituire coppia permanente ci ha permesso inoltre di continuare l'esercizio e l'approfondimento del canyengue nonchè la possibilità di approfittare delle rare occasioni di ballo offerte in alcune milonghe.
Abbiamo iniziato 7 anni or sono la nostra attività d'insegnamento del tango argentino in Liguria, acquisendo nel corso del tempo i principali brevetti delle associazioni italiane (ANMB e FIDS) richieste per legge ai maestri che svolgono la loro attività in centri sportivi. Abbiamo intrapreso  nel contempo l'attività d'insegnamento anche del canyengue estendendola  nell'ultimo anno anche nei corsi piemontesi che teniamo a Torino Gerbido - Centro Rari Nantes e a Settimo Torinese presso il Dancing Club dell'Hotel Giglio (principianti).

Eugenio e Silvia Oropallo
                                                         

                                                          Maura Malluquin e Bruno Mazzoni


BREVE STORIA 
                         
La storia del canyegue tramandato ai tempi nostri  in sintesi è la seguente,  come abbiamo recepito da pubblicazioni e siti internet:
i dice che negli anni 1990 non si trovassero persone in Buenos Aires abbastanza anziane per aver ballato nel periodo iniziale del canyengue. Corre voce che molte persone ricercavano qualcuno che ricordasse.
 Si ritrovò  un ballerino, Rodolfo Cieri che ricordava alcuni passi che suo padre gli aveva trasmesso quando aveva ancora 7 anni. Rodolfo e sua moglie Maria , che era molti anni più giovane di Rodolfo, iniziarono ad esibirsi in piccole dimostrazioni che includevano questi passi. Le loro dimostrazioni ebbero un immediato successo e molta gente ricorse alle loro lezioni, sembra che però essi fossero comunque riluttanti nell'insegnare ma in effetti,  erano gli unici a poter trasmettere almeno parte delle memorie del padre.
Rodolfo fu un grande ballerino, con un modo molto particolare di ballo. Il successo di Rodolfo e Maria nel dimostrare questi passi di canyengue, ma pochi passi non bastarono a far risorgere un completo stile.
Un'altra coppia, Martha Anton y Luis Grondona, iniziarono ad insegnare dei passi molto simili  quelli di Rodolfo e Maria circa nello stesso periodo. Intervenirono nella televisione "Solo Tango", mostrarono i loro passi per una serata ed iniziarono da allora ad insegnare.
Anche se lo stile era simile a quello ispirato da Rodolfo e Maria , Luis e Martha divennero talmente bravi e caratterizzati da un'inventiva coreografica che la gente apprezzò il loro modo di ballare.
Altri autori come Julio D. Vallejos (Il Maestro di Tango ed. Sigillo) citano Mirta Sol come altra partner molto affiatata con Luis nel canyengue.

Come afferma Martha Anton in un'intervista,  il canyengue come espressione popolare varia persino da quartiere a quartiere a Buenos Aires e quindi anche nell'insegnamento corrente troviamo stili e variabilità d'interpretazione tutti da rispettare e nei quali ciascuno può trovare ispirazione traendone quanto ritenuto più vicino al proprio modo di ballare o interpretare.
Riferimenti e fonti:
http://www.afropop.org/multi/interview/ID/86/Robert+Farris+Tompson-2005/
http://www.urugayinforme.com/news/08062007/08062007_boguslaw_dygasiwicz
http://www.tango-canyengue.com/canyengue.html
http://www.bardetango.com.br/12thecanyengueorillerotangostyle.htm
http://kidojo.it/tangoargentino/art0022.php